La lotta alle stragi del sabato sera passa dallo smartphone

 

A quanti sarà capitato di uscire con gli amici, bere un bicchiere in più e non poter guidare per tornare a casa? È vero, ci sono i taxi, ma rimane sempre il problema di dover poi recuperare la propria macchina.

Tranquilli: un’applicazione, disponibile dallo scorso settembre, risolve la questione. Driver2Home offre, infatti, la possibilità di avere un’ancora di salvezza a tua disposizione in qualunque momento ce ne sia bisogno. Un autista ti raggiungerà in monopattino o con car sharing, guiderà la tua macchina e ti accompagnerà fino a casa, augurandoci che ci si ricordi dove sia. Una soluzione intelligente al problema della guida in stato di ebbrezza o anche solo all’eccessiva stanchezza.

Il progetto, che si era aggiudicato il secondo posto al contest Open F@b, è stato sviluppato con la collaborazione di Bnp Paribas Cardif e il Polihub.

L’idea è venuta ad Alessandro Zaccaria, cofondatore e Ceo, dopo una serata tra amici in Sud Corea. Nessuno era in grado di guidare, ma dopo una breve telefonata, un ragazzo si è presentato davanti al locale, pronto ad accompagnare tutti a casa, con l’auto con cui vi si erano recati. Terminata la corsa il giovane si è fatto poi pagare prima di rimettersi al servizio di altri.

Di qui l’idea di esportare questo sistema anche in Italia, così come è già stato fatto in altre realtà internazionali, dove ha riscosso un discreto successo.

Dopo una fase di sperimentazione, che prevedeva un pre contatto di 24 ore, dallo scorso settembre, grazie all’applicazione per smartphone, il servizio viene offerto in tempo reale. Tutti gli autisti sono professionisti e coperti da un’assicurazione kasko, quindi, non c’è nulla da temere e la tariffa prevede un costo di 5 euro per l’uscita e di 0,69 centesimi al minuto da corrispondere per via telematica.

Gli ideatori dell’applicazione, un team giovane e ambizioso, guardano al futuro della propria creatura: l’obiettivo è quello di stringere accordi con le Rca, in modo che Driver2Home possa venire inserito all’interno del ventaglio di servizi offerti dalle assicurazioni auto.

 

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *