Le clementine e le vending machine: l’unione fa la salute

Ribelle, Vitale, Creativa. Si autodefinisce così la nuova newco calabrese che mira a portare le clementine della Piana di Sibari in tutte le vending machine possibili.

Con un packaging minimal e innovativo, studiato appositamente per inserirsi ad hoc nei distributori automatici di tutta Europa, Clementime srl ha già fatto parlare molto di sé.

L’iniziativa nasce da Antonio Braico e Francesco Rizzo, entrambi di Corigliano Calabro, con uno scopo ben preciso: diffondere la gustosa e salutare clementina come snack alternativo agli ipocalorici e super chimici spuntini da 0,70 cent.

clementime-1

Sarà così possibile “raccogliere” in ufficio e nei luoghi pubblici una confezione di 2 clementine fresche e non trattate nei periodi a “disponibilità naturale”, dunque da ottobre a febbraio.

Le piantagioni più estese in Italia si trovano in Calabria, patria del progetto per l’appunto, Puglia e Sicilia. Questo frutto racchiude in soli 50 kcal per 100 grammi un alto contenuto di vitamine C, potassio, calcio e fosforo; perfetto per difendersi da raffreddori, crampi e malanni stagionali, sono ottimi anche per chi vuole stare attento alla linea.

Sul sito si legge “L’eccellenza italiana e l’originalità certificata della clementina raggiungerà in modo capillare e funzionale chiunque oggi creda in una alimentazione sana ed equilibrata, venendo incontro alle aspettative e alle esigenze di quanti debbano coniugare il tempo del lavoro o dello studio con il tempo per sé.”

Insomma, la frutta snack come non l’abbiamo mai vista, senza processi di lavorazione intermedi che ne garantiscono la conservazione integrale delle proprietà organolettiche per una durata media di shelf life pari a 15-18 giorni.

Bravo! Questa è l’Italia che avanza.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *