Padania Classics, uno sguardo fotografico sulla pianura padana

Chi lo dice che la pianura padana sia noiosa? Sicuramente un sacco di gente, fra cui però non figura Filippo Minelli, ideatore e creatore del blog Padania Classics. Quello di Minelli è infatti uno sguardo più artistico e fotografico sulla pianura padana, che riesce a dare poesia sia alle realtà aziendali, sia a quelle paesaggistiche anche quando pervase dalla nebbia.

Atlante_dei_classici_padani-1

“Padania Classics è un progetto di ricerca visiva che ha l’intento di identificare i ‘classici padani’ nel campo dell’estetica, dell’architettura e dei comportamenti umani attraverso un’attività documentativa, di produzione e diffusione di contenuti,” spiega Minelli sul blog, che è nato a cavallo del 2010 e del 2011 come progetto di ricerca fotografica sulla realtà padana.

Dal 2010 in poi, l’ironia pungente di Padania Classics è anche diventata la foce natale dalla quale mostre, pubblicazioni, tour e workshop sono partiti, portando quindi quella che è l’essenza della Padania stessa in giro per l’Italia.

Atlante_dei_classici_padani-16

Sebbene quella della pianura padana sia un’estetica paesaggistica spesso presa di mira per sketch comici, se analizzata attraverso un’esperta lente fotografica si può denotare come, in fin dei conti, sia anch’essa carica di significato e poesia, soprattutto se vissuta nel  quotidiano.

“Padania Classics […] è nato come progetto di ricerca fotografica sul paesaggio, l’architettura, l’edilizia e gli spazi pubblici, poi è diventato anche un concept performativo: abbiamo fondato finte agenzie turistiche, e creato finti cataloghi per promuovere il turismo in Nord Italia, organizzato gite aziendali nei dintorni di Milano” Filippo Minelli ha spiegato a Creators in occasione di una mostra dedicata al blog appena conclusasi alla Santeria Social di Milano. “Tutto sempre con una buona dose di ironia. Il mio intento era studiare il territorio senza cadere nella noia dei contenuti accademici.”

Padania Classics è a oggi anche un atlante, chiamato “L’atlante dei classici Padani”, suddiviso in 18 capitoli diversi, attraverso i quali vengono  analizzate tematiche importanti come la politica della regione, la cementificazione, il boom dei videopoker e, ovviamente, la nebbia.

ATLANTE dei classici padani

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *