Prodotti km zero: un supermercato li coltiva direttamente sul tetto

Quando si parla di km zero, fino a che distanza possiamo spingerci? O meglio, perché un prodotto venga ritenuto a km zero, vi siete mai chiesti quanta strada è ammesso possa percorrere?

In Canada un supermercato ha deciso che quello zero dovesse essere il più reale possibile, scegliendo di coltivare pomodori, aglio, insalata e diversi altri ortaggi direttamente sul tetto del punto vendita. Tutti biologici. Tutti ovviamente a km zero. Tutti confezionati e rivenduti immediatamente sul posto.

iga

L’affascinante progetto è stato messo a punto nel quartiere Saint-Laurent di Montreal, grazie al proprietario del supermercato IGA, Richard Duchemin, che così ha spiegato la propria idea: “Negli ultimi anni, la gente vuole sempre di più acquistare prodotti locali, per questo motivo ho pensato che un orto potesse essere la soluzione giusta per soddisfare i clienti”. Ventimila metri quadrati sono stati sfruttati per creare un orto proprio sulle grandi lettere che sovrastano il tetto del supermercato.

iga 2

Ogni singolo prodotto finisce poi sugli scaffali del negozio, con tanto di certificazione che garantisce siano biologici. Ma la spinta green non si esaurisce qui. Tutti i sistemi utilizzati per la struttura e l’orto sono, infatti, eco-compatibili. Grazie al sistema di deumidificazione del negozio si irriga l’orto e grazie all’orto si ottiene uno strato di isolamento che permette di abbattere il consumo energetico del punto vendita.

In questo video viene spiegata nel dettaglio la sperimentazione del progetto, realizzato dalla società Green Roof, che si occupa della creazione di tetti verdi per orti urbani.

“E’ strano che nessuno ci avesse mai pensato. Molti ristoranti hanno dei piccoli orti dove piantano le erbe. Siamo sicuri che l’idea sarà vincente anche perché i prodotti vengono venduti allo stesso prezzo di quelli biologici, senza rincari”, ha detto riguardo alla sperimentazione Duchemin.

A noi sembra un’idea fantastica e attendiamo di poter vedere qualcosa di simile anche in Italia.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *