L’impianto solare costruito con dolcezza: in Cina ha la forma di un panda

Il panda è l’animale simbolo del Wwf e rappresenta, quindi, nell’immagiario collettivo il simbolo di un pianeta da salvare e salvaguardare.

Uno dei modi migliori per cercare di perseguire questo obiettivo e per tentare di non prosciugare sempre più le risorse che la terra ci offre è di certo quello di utilizzare sempre più le energie rinnovabili.

A Datong, in Cina, hanno unito questo fine all’immagine del panda, accendendo il primo impianto solare al mondo proprio a forma di panda. Tutti i pannelli solari sono stati installati in modo da ricreare la sagoma del tenero animale, se guardati dall’alto. L’impianto è stato creato dalla società Panda Green Energy nella provincia settentrionale dello Shanxi e sarà il primo di una lunga serie. Ne dovrebbero venire installati, infatti, un centinaio lungo la Nuova via della seta, con “un investimento complessivo stimato in 3 miliardi di dollari”, come scritto dal The Telegraph.

impianto solare panda

Sono stati, insomma, uniti efficienza, grandezza e bellezza, “per attirare l’attenzione di molti, anche e soprattutto dei più giovani”.

Uno dei principali scopi del costruire impianti fotovoltaici con la forma del panda, infatti, è proprio quello di “sensibilizzare le nuove generazioni, le quali dovranno imparare a pensare a un mondo alimentato da energie rinnovabili”. Per poter riuscire nel loro intento, gli ingegneri della Panda Green Energy hanno affiancato diversi tipi di pannelli, così da creare l’immagine: “quelli neri, sono costituiti da celle solari di silicio monocristallino, e grazie alla loro tonalità sono stati utilizzati per disegnare le braccia, le gambe, le orecchie e i tratti distintivi del muso”, mentre per il resto sono state utilizzate “celle solari (chiare) fornite dalla società statunitense First Solar”.

impianto solare panda_1

L’innovazione tecnologica può essere accompagnata da un’eccezionale dolcezza.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *