Halloween è una festa davvero “straniera”?

Streghe, fantasmi e mostri sono arrivati a popolare la notte del 31 ottobre per grandi e piccini ormai da qualche anno. Per chi, come me, è cresciuto all’inizio degli anni Novanta, il massimo della conoscenza che si aveva di Halloween era quella derivata dalla visione di Nightmare before Christmas, il cartone animato firmato Tim Burton che, con il suo personalissimo Jack O’Lantern faceva spaventare ed innamorare ciascuno di noi.

Il tutto, insomma, si riduceva ad un film animato e ad una canzone che i pupazzi protagonisti della storia intonavano in mezzo ad un campo di zucche.

Nightmare-Before-Christmas

Negli ultimi anni, però, la tendenza è diventata quella di mascherarsi, passare di casa in casa ponendo la famosa domanda “trick or treat?” (dolcetto o scherzetto) e vivere una serata all’insegna della paura anche qui.

Ma da dove arriva questa tradizione?

All Hallow Eve (questo il nome della festività) è letteralmente la vigilia di tutti i santi. Halloween è una variante scozzese del nome della festa che affonda le sue radici nell’Europa precristiana; in particolare nelle tradizioni celtiche. Per queste popolazioni il 31 ottobre coincideva con la fine dell’estate e la festività era chiamata Samhain; nome che viene dal gaelico antico Samhuinn e che indica la conclusione della stagione dei raccolti e l’inizio dell’inverno. Era proprio in questa notte che, per tradizione, le anime dei morti tornavano sulla terra con streghe, demoni e fantasmi. Per questo motivo, già dal lontano Medioevo, era uso e costume indossare maschere per allontanare la morte e fare riti propiziatori. Tale tradizione si è poi espansa, fino a conquistare gli Stati Uniti, dove ha potuto crescere a dismisura e trovare anche uno sbocco commerciale.

children-costumes-halloween

Quello che era il carattere prettamente macabro della ricorrenza ha così assunto il lato ludico che ancora oggi lo contraddistingue.

Si può, naturalmente, ritrovare anche un collegamento con le ricorrenze della Roma antica: Halloween sarebbe infatti legato al periodo dell’anno dedicato a Pomona, dea dei frutti e dei semi. I nostri antenati non erano nuovi neanche alle feste dedicate ai defunti: i Parentalia avevano proprio questo scopo.

Insomma, nulla di veramente nuovo e a noi estraneo.

Anche l’usanza del “dolcetto o scherzetto” sembra avere in realtà radici storiche: nel periodo medievale, infatti, si usava elemosinare di porta in porta fra il giorno dei santi e quello dei defunti.

Halloween

A tutti quelli che pensano che sia una festa che non ha nulla a che fare con la nostra cultura e le nostre tradizioni, insomma, bisogna dire che devono ricredersi: Halloween si è sempre festeggiato anche in Italia. Ci siamo solo dimenticati per lungo tempo di farlo…come testimonia questa foto.

Foto dei primi del '900 scattata in Sardegna: i bambini sono travestiti da fantasmi

Foto dei primi del ‘900 scattata in Sardegna: i bambini sono travestiti da fantasmi

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *