In Germania i treni del futuro: alimentati ad idrogeno e privi di emissioni

L’idea di un’auto ad idrogeno forse è ancora lontana (o almeno così parrebbe). Il problema dell’inquinamento atmosferico bisogna però affrontarlo da subito, perché non si può e non si deve continuare a nascondere la testa sotto la sabbia o voltarsi dall’altra parte.

Bisogna iniziare a guardare al futuro dell’ambiente, che è il nostro futuro.

In Germania, dal 2021, ci sarà una piccola grande rivoluzione in tal senso: i pendolari della Bassa Sassonia, infatti, dal dicembre di quell’anno viaggeranno su treni ad idrogeno. Niente più mezzi elettrici o diesel. Si va oltre.

L’autorità dei trasporti locale e il Gruppo Linde hanno firmato un accordo con Alstom per la fornitura di 14 treni “Coradia iLint”, ovvero alimentati ad idrogeno e quindi privi completamente di emissioni. Si tratta di mezzi che sono in grado di fare 1000 chilometri con un “pieno”, raggiungendo la velocità massima di 140 chilometri orari. In questo modo si elimineranno completamente le emissioni giornaliere, con un notevole impatto positivo sull’ambiente.

La fase pilota del primo Coradia inizierà già nella primavera del prossimo anno.
“E’ una vera rivoluzione del trasporto ferroviario – ha detto Gian Luca Erbacci, Senior Vice President per l’Europa di Alstom a Repubblica – e un cambiamento epocale verso un sistema di mobilità pulito. Per la prima volta al mondo un treno passeggeri regionale alimentato a idrogeno sostituirà i treni diesel, senza generare emissioni, con le stesse prestazioni di un treno regionale normale e un’autonomia fino a mille chilometri”.

Speriamo importanti passi avanti verranno fatti presto anche in Italia.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *