Distributori automatici per senzatetto, forniscono generi di prima necessità

Una macchinetta automatica in grado di fornire panini, frutta fresca, calze di lana e fazzolettini sanitari a circa cento persone.
Questa è stata l’idea che a Nottingham fornirà una sussistenza minima più efficace ed efficiente a tutti i senzatetto della zona che ne abbiano necessità.

Il primo tentativo sarà effettuato entro Natale davanti al centro commerciale Broadmartsh, dove appunto il distributore conterrà beni di primo consumo completamente gratuiti; sarà sufficiente mostrare una tessera fornita dalle associazioni di beneficenza per ottenere ciò di cui si necessita. Tutto ciò è scaturito dal bisogno dei centri di assistenza di fornire i loro servizi in un periodo difficile, quello natalizio, dove molti edifici sono chiusi o privi di scorte.
Si calcola che lo scorso Natale il centro di carità Shelter abbia ricevuto una richiesta di aiuto ogni 22 secondi in quell’unica giornata; troppe da gestire efficientemente. Così è nata l’idea di aumentare “servizi” offerti dalle macchinette che fino ad ora vendono unicamente sigarette e snack.
Tutto ciò è anche dato – purtroppo – dall’aumento piuttosto evidente dei senzatetto in Inghilterra a causa dei tagli eseguiti da parte dei partiti conservatori di David Cameron (l’ideatore della Brexit) e Theresa May.

1. I generi di prima necessità vengono forniti dai supermercati

Un’idea e un progetto che se andasse in porto migliorerebbe di molto la grottesca situazione di chi si ritrova senza un tetto sopra la testa nel periodo più freddo dell’anno, in un giorno di festa che dovrebbe trasmettere gioia, generosità e serenità; certo tutte le persone che a Natale passano la festività ad aiutare i bisognosi possono essere definiti “eroi”. Ma un aiuto dalla tecnologia quando porta a cose buone come queste non può guastare certo.

2. Tutto viene inserito nei distributori automatici

3. I senzatetto possono prendere ciò che serve loro tramite una card fornita dai centri di assistenza

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *