Germania: idea trasporti gratis contro l’inquinamento

Il problema dello smog e dell’inquinamento è sicuramente globale. Si tratta di un tema scottante, con il quale dobbiamo fare i conti un po’ tutti. Molti sono i Paesi che quindi corrono ai ripari cercando di trovare soluzioni green per la vita di tutti i giorni, in modo da abbattere le emissioni e cercare di salvare, magari anche solo in piccola parte, il futuro dell’ambiente.

In Germania, nelle scorse settimane è stata paventata l’ipotesi di ricorrere ad un piano che renda i trasporti pubblici gratuiti nelle città maggiormente colpite da inquinamento.

Sarebbero cinque in particolare le metropoli interessate dal progetto: Bonn, Essen, Herrenberg, Reutlingen e Mannheim. Qui gli autobus locali dovrebbero divenire gratuiti per i cittadini, in modo da cercare di ridurre notevolmente l’uso delle auto private.

Il costo di questo cambio di rotta si aggirerebbe intorno ai 13 miliardi di euro, ma preverrebbe una possibile denuncia alla Corte di Giustizia europea ai danni di Berlino da parte della Commissione europea, a causa della violazione delle norme sui gas di scarico.

La Germania da inizio anno è tenuta sotto stretta sorveglianza per non aver rispettato le norme sugli inquinanti, quali ossido di azoto e particolato.

Tramite una lettera inviata al commissario europeo per l’ambiente, il ministro per l’ambiente tedesco Barbara Hendricks, il ministro dell’agricoltura Christian Schmidt e il capo della cancelleria Peter Altmaier, hanno così reso nota la loro volontà di istituire il trasporto pubblico gratuito, tra le altre azioni volte alla diminuzione dell’inquinamento. Accanto a questo, verranno anche introdotti incentivi extra per chi decida di acquistare auto elettriche o per chi voglia cambiare la propria vettura con motore a combustione con una a propulsione elettrica.

Si tratterebbe di uno dei primi Paesi a mettere in atto una tale rivoluzione green. Un notevole passo avanti per l’ambiente, che dovrebbe essere preso ad esempio da tutti.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *