La tv di Facebook arriva in Italia

Finalmente la Tv di Facebook esce dagli Stati Uniti, dove è stata lanciata ed è rimasta relegata da un anno a questa parte, per raggiungere le varie parti del globo, arrivando anche in Italia.

Obiettivo: una tv social che si insinui piano piano nei nostri profili così come il suddetto network ha già fatto, nelle nostre vite, in questi anni.

Ma è possibile una tv nel web?

L’impresa è sicuramente ambiziosa, il terreno è instabile, ma sicuramente pieno di potenzialità. Di certo non possiamo dare nulla per scontato. Magari Facebook riuscirà laddove altri non hanno osato spingersi. La Watch Tv si comporrà di contenuti sempre più vari. Si parla di video in cui il pubblico può interagire, video party, ma anche di servizi di sport e notizie realizzati con emittenti del calibro della Cnn e Fox News. Per non parlare poi delle serie televisive, come, ad esempio, la serie drammatica “Sorry For Your Loss” con Elizabeth Olsen come protagonista.

Il lancio globale era stato annunciato dal Fidji Simo, a capo della divisione video del Social Network, con queste parole: “Rendiamo Fb Watch disponibile ovunque, offrendo alle persone in tutto il mondo un nuovo modo per scoprire video straordinari e interagire con amici e autori. Invitiamo tutti a prendere parte a questa rivoluzione”.

Il servizio si propone di raggiungere un pubblico più ampio e dare spazio a produttori e nuovi autori di contenuti alternativi. Dal social di Zuckerberg, infatti, fanno sapere: “Finanzieremo nuove serie dall’appeal internazionale e poi, in ogni singolo mercato lavoreremo con i nostri partner per assicurarci di offrire contenuti che trovino il loro pubblico e contribuiscano ai business locali”.

Le liste sono personalizzate in base ai nostri interessi e i video sono suggeriti anche in base a ciò che i nostri amici stanno guardando. Una tv elaborata espressamente su di noi. Il sogno che abbiamo avuto tutte quelle sere passate facendo zapping senza trovare qualcosa che ci piacesse davvero.

Questa Tv social non vuole far concorrenza alla Tv tradizionale, ma siamo sicuri che non succederà?

Stiamo in attesa di vedere se questa rivoluzione ci sarà oppure no.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *